lunedì 8 settembre 2008

NEL MONDO DEI PRERAFFAELLITI







Sabato ho finito di leggere un libro carino, non un capolavoro, certo ma è un thriller ben costruito e tratta un tema a me molto caro, il modo dell'arte e in particolare i preraffaelliti, i preraffaelliti sono stati una corrente artistica dell'800 che rifuggiva la modernità, il leader era Gabriel Rossetti di chiarissime origini italiane ma nato e vissuto a Londra. la modella che vedete nei quadri che ho postato era sua moglie una donna bellissima che morì per cause misteriose, infatti si dice che si sia suicidata perché aveva avuto una gravidanza sfortunata, ma non si sono trovati biglietti di addio, e morta comunque per le eccessive dosi di laudano ( una droga ) nel sangue. Il marito la fece seppellire con un libro di poesie da lui scritte, ma dopo 7 anni decise che voleva pubblicare il libro e di notte fece riesumare il corpo, la leggenda dice che il corpo di Elisabeth Siddal , fosse in perfetto stato di conservazione !!! incredibile !!



Il libro si chiama " la bambina che amava la morte ", l'autrice si chiama Fiona Mountain, ha scritto molti thriller, vale la pena leggerlo, fosse solo per il movimento artistico di cui di parla.
Il primo quadro si chiama Ofelia e di Millais ( uno dei preraffaelliti, la modella è Elisabeth Siddal )
il secondo e Beata Beatrix, ( di Gabriel Rossetti) la modella è la stessa di Ofelia
il terzo e Ecce ancilla domini sempre di Rossetti è una rivisitazione del tema dell'annunciazione!!! Belli e ?

12 commenti:

SCHIAVI O LIBERI? ha detto...

C'era una canzone dei nomadi col titolo Ofelia. scherzo.
Grazie per l'informazione. Non si finisce mai di imparare.
Un saluto.

Erica ha detto...

Si, sono veramente bellissimi! Molto intrigante anche la storia della moglie di Rossetti. Cmq, è un pò macabro parlarne, ma i corpi una volta tumulati ci mettono un sacco di anni a deteriorarsi! Mia nonna fece riesumare mio nonno dopo 20 anni che era morto e lo trovò ancora come l'aveva lasciato! Anche io non ci volevo credere, ma lei giura! Strano il mondo...

Pellescura ha detto...

Quanta cultura si respira nel tuo blog...

Clorophilla ha detto...

Quadri bellissimi...

AndreA ha detto...

Grazie per questa erudizione sui quadri... ;-)

Un abbraccio, buona serata!! ;-)

calendula / trattalia ha detto...

@ Marco: non conosco la canzone dei nomadi, ma la storia di Ofelia è utilizzata in molte canzoni, grazie a te per l'informzione sulla canzone...
@ Erica: Cazzo!!! 20 anni... mamma mia!!
@ Pellescura: mi metti in imbarazzo...
@Clorophilla: si anche a me sono sempre piaciti moltissimo, gia dal liceo...
@ Andrea: 5 anni di liceo artistico a qualcosa saranno serviti !!! grazie mille!!!!

Tyreal ha detto...

Bel post, interessante dissertazione.
Ciao.

♥gabrybabelle(#..#) ha detto...

il secondo in particolare l'ho sempre trovato si bello,ma di una bellezza "avvolgente"Forse per te questa sara' una castroneria,ma non ti ricorda un po' lo stile liberty dell'inizio del 900,quale senso avvolgente di come si raffiguravano le donne in quegli anni?è ovvio che sono loro quelli del secolo 20°entesimo Secolo ad aver copiato o meglio ad essersi riferiti pittoricamente parlando-non è difficile IMAMGINARE il perchè dopo tanti anni fosse ancora intatta,laudonio o non laudonio,in quegli anni poi qull'essenza (droga)aveva un lavorazione particolare(mescolanze varie,causa cattivo odore e sapore)veniva anche usato in forma liquida a mo' di tintura e alcuni lo usavamo tipo "imbalsamazione "quindi anche x questa ragione potrebbe essere che..oppure semplicemnte è come t'ha scritto erica.abbiamo sfuorviato l'argomento libro ;-) è un po che mi frulla nella testa di consigliartene uno,visto il tuo accanimento "lettorio"ma non so come la prenderai,anch'io daltronde lo comperai per caso in libraria, piu attratta dal titolo che dava rimandi e rifermenti alla" Beat Generations"ma poi mi trovai di fronte a ben altro,ci volle un po' a convincermi di finirlo,l'ho preso e ripreso in mano piu volte
(e qui sta frase ci sta tutta...eh.ejh.eh.)
Le memorie di una Beatnick

http://diane de prima




Siamo nella New York, Anni Cinquanta. E'il diario di una donna "ingorda" di vita,
ed insieme il diario di una generazione, quella di Kerouac, Ginsberg e Gregory Corso,
che ha fatto della sessualità/bisessualita e molto di piu,il piu sfrenato emblema, una bandiera, al di là di ogni tabù ...
Quindi è da leggere con cautela e solo se interessati veramente,
ciao Cal(Sy)

calendula / trattalia ha detto...

@tyreal: grazie mille
@ Gabry: la tua speigazine sulla conservazione del corpo mi sembra che non faccia una grinza, per il libro... lo segno ho gia letto un libro di una scrittrice abbastanza ingorda si chiama Erica Jong mi sembra e il libro è molto bello, non mi ricordo il titolo, l'ho letto minimo 10 anni fa... mi era piaciuto molto!!!
GRAZIE PER IL CONSIGLIO.

Six ha detto...

ciao!!! Il quadro di Millais è uno dei miei quadri preferiti.. l'ho scoperto anni fa e mi ha suscitato subito qualcosa.. non so. Mi piace da impazzire..

Valia ha detto...

sembra una lettura interesante, vedrò di metterla in coda ai mille libri che devo ancora leggere ^^'

Vele/Ivy ha detto...

Belli, belli! Adoro i Preraffaelliti!!!!!!!!!
Tra parentesi, la modella del primo quadro posò in una vasca piena d'acqua e si prese una bella infreddatura!